domenica 14 febbraio 2010

Quarnevale


 (rinunciami sto ...)


In tutti i paesi di tradizione cattolica questa è la cosidetta settimana grassa, l'ultima settimana di Carnevale, quel periodo dell'anno posto tra le feste natalizie e la Quaresima (momento dedicato all'astinenza e al digiuno), infatti il termine carnevale deriva dl latio "carnem levare" cioè eliminare la carne che anticamente indicava il banchetto che si teneva l'ultimo giorno di carnevale (martedì grasso).                                                                                                              Ovviamente come ogni regola che si rispetti ha le sue buone eccezioni, la più famosa di tutti è probabilmente il Carnevale Ambrosiano che si prolunga di 4 giorni in più rispetto al Carnevale tradizionale.                                                                                                                                                     Ma forse l'eccezione più grande non è quella milanese ma è quella romagnola, sì perchè se da altre parti da mercoledì è Quaresima, in Romagna inizia il “Quarnevale” un po' Quaresima e un po' Carnevale.                                                                                                                                          A Conselice c'è il carnevale di San Grugnone (dal grugno che le persone mettevano i primi giorni di Quaresima pensando alle rinunce a cui andavano incontro)                                                Poi proprio a metà Quaresima in vari comuni della Romagna ( Forlimpopoli, Gambettola, Cotignola, …) si festeggia la Segavecchia, con tanto di carri allegorici e rogo della “vecchia” atto che si rifà alla cruenta tradizione medioeval-inquisitoria e di bruciare streghe ed eretici ma che nel contesto assume il valore positivo di cancellare le brutture di ogni forma e genere e “illuminare il cammino” a un domani migliore.                                                                                Senza dimenticare L'imburneda ad Santa Lusa (Anneritura di Santa Lucia) tra le strade campagnole di Santa Lucia delle Spianate presso Faenza, La Festa di San Lazzaro nel Borgo Durbecco sempre a Faenza, è i suoi buonissimi tortelli imbevuti nella saba, o invenzioni più recenti tipo il carnevale a Rio...lo di Riolo Terme.                                                                              Tutte feste che si svolgono durante la Quaresima (anche se le domeniche in verità sono un tempo a parte...) per la gioia dei bambini ma anche degli adulti.                                                Sarà l'odore della Primavera che si avvicina ma qua la gente ha poca voglia di dedicare questo periodo a rinunce e sacrifici, che siano mangiapreti o parrocchiani poco importa, si festeggia insieme.
Posta un commento