giovedì 23 gennaio 2014

frutta fresca nel backstage

(l'ultimo ep di Jocelyn Pulsar)


DIMENTICARE ROVIGO

I dettagli sono importanti, perché ad esempio, senza di loro io e Bono facciamo lo stesso lavoro
E se ci pensi bene, senza i dettagli io e te staremmo ancora insieme.
E poi non mi ricordo bene chi ha lasciato chi, e soprattutto che giorno era, io spero fosse un Lunedì
Non ridere, sono cose importanti: se ti lasci il Lunedì hai una settimana davanti
Per scrivere una canzone che parli di lei, e se hai bisogno di ispirarti, collega posso aiutarti
La sindrome da foglio bianco si combatte con la cassa in quarti.
I dettagli sono importanti perché ad esempio dopo di te credevo di aver messo un punto e invece erano 3
E un po’ di era sfuggito che il discorso si era interrotto, ma che non era finito
Almeno per me, che so lamentarmi anche della mia città
Che mi sembrava piccola e meschina almeno finchè, finchè non ho visto Rovigo
Che posto strano è Rovgo, che posto vuoto è Rovigo, come la domenica il mio frigo,
che posto vuoto è Rovigo, che posto vuoto è Rovigo.
E mentre il tempo va piano ma passa, e menomale, che i biglietti del treno stavano per aumentare
E proprio adesso che sembrava tutto perfetto, ogni volta che lo dico viene fuori un difetto
E quando sono io il problema c è poco da fare, bisogna chiudere gli occhi e continuare a sperare
Che il passato non torni mentre io sopravvivo, ma francamente sembrava più facile dimenticare Rovigo
Dimenticare Rovigo, dimenticare Rovigo, nel viaggio di ritorno il treno è un frigo,
dimenticare Rovigo, dimenticare Rovigo.
I dettagli sono importanti, perché ad esempio, senza di loro io e Bono facciamo lo stesso lavoro
E se ci pensi bene, senza i dettagli io e te staremmo ancora insieme.


SCOMPARIRE

A volte per farsi notare bisogna sparire, per rendersi più interessanti bisogna scomparire
Io ci ho provato, ci ho provato a non farmi sentire
Ma ormai è passata una settimana e non mi dire, che niente niente
Abbiamo avuto la stessa idea contemporaneamente (sarebbe bello fosse così)
Vorrebbe dire che ci amiamo veramente (siam telepatici come nei film)
A volte per avere una cosa bisogna rischiare
A volte devi stare sotto la sua finestra e con il temporale
A 15 anni una volta mi han detto “l amore fa male”
Ne son passati 18 e il concetto ancora vale, e se non altro
Il cantautore scrive meglio quando sta male (d accordo consoliamoci così)
E non ti vedo da due settimane ( e avrei già pronti 5 CD)
Otto della sera, mangio una pera, le si, lei si che si scacrifica per me, che si sacrifica per me
Lei si, lei si che si sacrifica per me, per me, e mica te, mica te.
A volte per farti del male ti devi impegnare, a volte se tutto va bene ti potresti annoiare
La vita è più insipida, l ispirazione scompare: per fortuna ci sei tu, e menomale.



ARKANOID

A volte una foglia che cade è davvero soltanto una foglia
A volte un po’ di mal di testa vuol dire non avere voglia
A volte non ceno soltanto perché non ho fatto la spesa
Compreso il mangiare del gatto che quindi mi piscia per casa
Perché il mio gatto è un po’ vendicativo
Però trascura il fatto che è grazie a me se è ancora vivo
Ragazzino di 15 anni, col videogioco che sembra un film
Con la grafica straordinaria, però difficile così così
Tu che mi prendi in giro perché sono dell’ era del Game Boy: prova a finire Arkanoid, prova a finire Arkanoid, a desso ridi ma poi, prova a finire, prova a finire Arkanoid.
Il cellulare intelligente preimpostato per tutto
Che lascia per te la morosa mentre giochi a calcetto
La pagina facebook te ne trova un'altra mentre stai dormendo
Ti trova il regalo dell anniversario in mezzo secondo
E tu che non ti senti meno vivo, credi che tutto ciò che è intorno a te, sia positivo.
Ragazzino di 15 anni, col videogioco che sembra un film
Troppo giovane anche per myspace, che non hai mai visto i Goonies
Tu che ridi perché sono dell’ era del Gameboy: prova a finire Arkanoid, prova a finire Arkanoid,
adesso ridi ma poi, prova a finire, prova a finire Arkanoid.

GATTO

Certo che alle medie era più facile, mi alzavo in piedi e se sentivo un si, stavamo insieme
Oggi non mi hai detto “ci sentiamo più tardi”, oggi mi hai detto “ci sentiamo più avanti” ed è diverso, a pensarci bene.
Nutrire ancora il gatto che avevamo insieme, adesso che è finita
È un po’ un accanimento terapeutico, va bene, ok lo tengo in vita
Ma quanti bei programmi, quanti bei programmi alla TV, da quando non ci sei più.
“Ti prego non voglio vederti piangere ora che parte il treno”
Dicevi mentre mi stavi lasciando solo che io mica lo sapevo
Ma quanti bei programmi ,quanti bei programmi alla TV, da quando non ci sei più.
Da quando non ci sei si sono moltiplicate in città le auto uguali alla tua
Ne incontro almento 3 al giorno, inizio ad averne paura,
e incontro solo fotografe freelance e mi addormento alle 3 con un caffè, che bello invece quando c eri te di fianco a me: quando fingevi di fare l’ amore con me.










Posta un commento