venerdì 1 marzo 2013

papamolla


(una teoria sul perché)



Escludendo che possa essere per stanchezza, malattia, complotto, scandalo, invasione aliena, apocalisse.
Tutte ipotesi non abbastanza credibili o almeno non in maniera tale da provocare una reazione del genere, quindi perché?
Partiamo dalle premesse:
la Chiesa è diretta erede dell'Impero Romano che ad un certo punto s'è appropriato del Cristianesimo facendone la propria religione ufficiale.
La Chiesa per secoli è stata tutt'uno o fortemente legata al potere (politico ed economico) eurocentrico (comprese le varianti mediterraneocentriche e occidentalcentriche), diventandone il perno attorno al quale si è dipanata la storia che conosciamo e trovandosi di volta in volta di fronte un nemico da combattere, un nemico (l'islam, il comunismo, ecc...) con cui però aveva sempre una radice comune.
Cos'è cambiato?
Il potere politico ed economico non ha più la Chiesa come interlocutore unico e principale
perché l 'Europa non è più il centro del mondo (e per Europa intendo anche le colonizzazioni fatte nei secoli e l'imposizione della cultura europea in altri continenti e paesi), ora il centro del mondo, il potere politico ed economico, è più a oriente dove ha radici una cultura millenaria completamente diversa.
L'evoluzione culturale non è più controllabile ed arrestabile (il potere della Chiesa è stato esercitato soprattutto attraverso il controllo culturale sul popolo).
Di conseguenza la Chiesa ha perso credibilità.
Magari è stato anche Twitter ha svelarlo a Benedetto XVI inducendolo a fare una scelta così importante.
La soluzione possibile perché la Chiesa possa riacquistare la credibilità perduta potrebbe essere tornare alle origine pre imperiali del Cristianesimo ...che sia questo ciò che s'intende per “distruzione di Roma”?

Posta un commento