giovedì 14 marzo 2013

el Papa Paco


(pròfezie)



C'è che il Papa è un Gesuita, è la prima volta che succede e c'è il fatto che la massima autorità dei Gesuiti viene abitualmente indicato col soprannome di Papa nero
...mmmm...

C'è che il Papa viene quasi da “la fine del mondo”, così è soprannominata la Patagonia regione estremamente meridionale dell'Argentina e di tutto il Mondo.
Quindi per “fine del mondo” si potrebbe intendere un posto molto lontano e non la fine dei tempi?
....mmmm...

C'è che il Papa ha scelto di chiamarsi Francesco lo stesso nome di quel Santo a cui Dio una volta chiese di ricostruire la “propria chiesa”.
Per cui se è su Pietro che è stata fondata la Chiesa è grazie a Francesco che viene ricostruita
...mmmm...

C'è che mentre i Cardinali stavano eleggendo Papa Francesco, sul comignolo della Cappella Sistina si è posato un gabbiano che magari era lo stesso che qualche settimana prima andò a disturbare la colomba liberata da Papa Benedetto XVI e infatti cosa fanno i Cardinali? Scelgono come Papa quello che già ai tempi del precedente Conclave fu l'alternativa a Ratzinger come a voler indicare un inequivocabile cambio di rotta.

C'è che per fare il Vescovo di qualsiasi altra diocesi, avere 75 anni sono considerati troppi ma per fare quello di Roma (e del Mondo) sembra sia necessario averne di più, perchè?
Che sia solo “sindrome Wojtyla” ovvero la paura che un Papa giovane si trovi a dover fare i conti con la storia e il carisma di Giovanni Paolo II o invece c'è una logica dietro a tutto questo?
Fare il Papa è come regnare (ho già detto che la Chiesa è erede diretta dell'Impero Romano...), un Regno al cui trono non si succede per diritto ereditario ma sul quale ci si siede per votazione.
Ciò che è normale è che quando si comincia a regnare lo si fa fino alla morte e tolta l'eccezionalità della decisione di Benedetto XVI che si è dimesso, questo vale anche per il Papa.
Se il Papa è anziano è possibile che regnerà per un periodo breve (al limite potrebbe sempre seguire la linea tracciata da Benedetto XVI) e che sarà pervaso di umiltà.
Solo al prossimo Conclave si scoprirà se si sta realizzando una “presidenzializzazione” del Papato, cioè si adotti la linea per cui si possa essere Papa per periodi non tropo lunghi.
Certamente questo Conclave è stato il primo in cui oltre ad essere ispirati dallo Spirito Santo è evidente quanto i Cardinali siano stati “guidati” dalla gente.
Posta un commento